Operazioni oggettivamente inesistenti: nullo l'accertamento che fa un acritico rinvio al PVC ( sentenza CTR 07.06.2018 per il Lazio)

La pretesa dell'agenzia delle entrate che afferma che le operazioni realizzate sono inesistenti è illegittima nel caso in cui l'accertamento si concretizza nel semplice ed acritico rinvio al PVC della GDF senza tener conto  degli argomenti e prove fornite dalla parte.

Leggi tutto...

Notifica via pec: il ricorso non sana i vizi di notifica (Sentenza del 07/12/2017 n. 1745 - Comm. Trib. Reg. per la Liguria )

Nel caso in cui si ritenga sussistente un vizio della notificazione a mezzo pec di una intimazione di pagamento, non si può affermare la "nullità" dell'atto se esso ha comunque raggiunto lo scopo cui era destinato.

Leggi tutto...

Accertamento emesso prima dei 60 giorni: è nullo (Ordinanza del 18/07/2018 n. 19128 - Corte di Cassazione)

In tutte le verifiche che comportano un accesso presso la sede del contribuente, si applica sempre la garanzia del contraddittorio endoprocedimentale, previsto come obbligatorio dall'art. 12, comma 7, della legge n. 212/2000.

Leggi tutto...

Concessionario notifica per le stesse cartelle sia fermo che ipoteca? Il secondo atto è illegittimo! (CTR Roma sentenza n. 4985 del 21-08-2017)

E' illegittimo il preavviso di iscrizione ipotecaria notificato al contribuente per le stesse cartelle di pagamento non pagate per le quali il Concessionario della riscossione ha in precedenza già notificato un preavviso di fermo amministrativo.

Leggi tutto...

Cartella esattoriale: quando la notifica via pec è inesistente ( CTP Genova 13/4/18, n. 411)

In alcuni casi la notifica di una cartella di pagamento via pec è inesistente. Il messaggio di posta elettronica certificata, sebbene astrattamente valido per la notifica di una cartella di pagamento, non può contenere file con estensione «pdf» anziché «p7m».

Leggi tutto...

Frode carosello: accertamento nullo se è impossibile conoscere il carattere fraudolento delle operazioni ( Ctr Lazio, sent. del 06.06.2018, n. 3796)

L'accertamento emesso per operazioni inesistenti è nullo se non risulta provata la frode carosello e se viene assolto l'onere della dimostrazione "di essersi trovati nella situazione giuridica oggettiva di non conoscibilità delle operazioni pregresse intercorse tra il cedente ed il fatturante in ordine al bene ceduto".

Leggi tutto...

La Pubblica amministrazione sbaglia? Deve agire obbligatoriamente per correggere l'errore. (Corte di Cassazione, sentenza 6283 del 20 aprile 2012 )

Quante volte sarà capitato di vedersi recapitare atti palesemente erronei da parte della pubblica amministrazione? Dunque, se l’ufficio sbaglia deve correggere obbligatoriamente in via di autotutela ed in tale ipotesi il comportamento da tenere non è discrezionale.  

Leggi tutto...