Frode Carosello:onere della prova spetta al Fisco ( Cass., ord. del 17.12.2019, n. 33320)

In caso di contestazione di fatture soggettivamente inesistenti spetta all'Ufficio provare, anche attraverso presunzioni purché gravi, precise e concordanti, non solo la fittizietà del fornitore, ma anche che il contribuente era consapevolmente partecipe della frode, ovvero che se ne sarebbe potuto rendere conto usando l'ordinaria diligenza.

Leggi tutto...

Nullità dell'accertamento emesso prima dei 60 giorni dal pvc (Cass., ordin. del 14/01/2020 n. 474)

L'accertamento emesso prima dei 60 giorni dalla consegna del prodromico Pvc è nullo. Tale termine, in caso di accesso presso la sede del contribuente, va rispettato per tutti i tributi, armonizzati e non.

Leggi tutto...

Irap: l’elevato ammontare dei ricavi non integra di per sé il presupposto impositivo dell’autonoma organizzazione (Corte di Cassazione – Ordinanza 06 dicembre 2018, n. 31619)

In tema di IRAP, l’elevato ammontare dei ricavi, dei compensi e delle spese, anche per beni strumentali, non integrano di per sé il presupposto impositivo dell’autonoma organizzazione“. Ad affermarlo la Suprema Corte di Cassazione, con l'ordinanza del 06 dicembre 2018, n. 31619.

Leggi tutto...

Non è valida la notifica dell'accertamento a società cancellata (Sentenza del 22/10/2018 n. 1118 - Comm. Trib. Reg. per il Veneto)

In materia di notificazione dell'atto impositivo alla società cancellata dal Registro delle Imprese e, dunque, estinta alla stregua del disposto dell'art. 2495 cod. civ. devono ritenersi valide le sole notificazioni agli ex soci, che succedono nei rapporti obbligatori del soggetto estinto e ne rispondono, senza ingiusto sacrificio dei diritti dei creditori sociali, nei limiti di quanto riscosso in sede di liquidazione oppure illimitatamente, se già soci illimitatamente responsabili, nonché al già liquidatore ritenuto colpevole.

Leggi tutto...

Atto impoesattivo primario: inesistente la notifica per mezzo del servizio postale ( CTR per il Pimonte, sent. dell'11.06.2019, n. 757)

L'atto impoesattivo c.d. primario deve essere notificato in senso proprio, tramite un agente della notificazione che deve redigere e sottoscrivere la relativa relata, in considerazione della sua attitudine ad acquisire efficacia esecutiva. A sostenerlo la CTR per il Piemonte, sent. dell'11.06.2019 n. 757 che ha annullato un atto impoesattivo primario perchè era stato spedito al destinatario direttamente dall'Ufficio con plico raccomandato con avviso di ricevimento senza una formale notificazione tramite l'intermediazione dell'organo notificatorio. Tale avviso è stato annullato perchè considerato "inesistente".

Leggi tutto...

La prescrizione degli obblighi contributivi decorre dalla scadenza del saldo: non decorre dalla presentazione della dichiarazione dei redditi ( Trib. Cassino, 23 maggio 2019, GOP Giuditta Di Cristinzi)

La dichiarazione dei redditi è una dichiarazione di scienza e non è presupposto del credito contributivo in quanto il fatto costitutivo resta la produzione di redditi rilevanti ai sensi di legge. Il termine prescrizionale per le contribuzioni di previdenza e assistenza sociale obbligatoria, pertanto, decorre dal giorno in cui i contributi devono essere corrisposti e quindi dal giorno in cui deve essere versato il saldo risultante dalla dichiarazione dei redditi dell'anno di riferimento.

Leggi tutto...

Prescrizione delle cartelle di pagamento: è escluso il termine decennale in mancanza di titolo giudiziale definitivo ( CTP Lecce sent. n. 1296/19 depos. il 19.07.2019)

In un ricorso avveso intimazione di pagamento un ricorrente da me rappresentato e difeso eccepiva, tra i vari motivi di doglianza, la prescrizione del credito sotteso ad alcune cartelle oggetto di intimazione impugnata. La CTP di Lecce con sent. n. 1296/19, dep. il 19.07.2019, accertando l'intervenuta prescrizione per alcune cartelle accoglieva tale doglianza annullando le pretese creditorie.

Leggi tutto...